Cosa fai, quando poi, resti sola?
Internet, come sai, non consola
Quando il virus arrivò, per esempio,
Trasformai la mia casa in un tempio
E da allora solo oggi non farnetico piú
A guarirmi chi fu?
Ho paura a dirti che sei tu
Ora noi siamo già più vicini
Io potrei, non dovrei, ma se vuoi

Come può uno stronzo
Arginare il male
Anche se non voglio
Torna già a girare
Per le strade vuote
E le aziende chiuse
Quarantene ardite
per le risalite
Verso i centomila
E poi giù in calata
E poi ancora in alto
Con un grande salto

Cosa fai, quando poi, resti sola?
Mascherine, tu lo sai, non si trovan
Io quel dì le trovai, ma per caso
Con i guanti al mercato quasi vuoto
Cucitrice nella stanza, mascherine per lei
Io la morte abbracciai
Ho paura a dirti che per te, le cucii
Oramai fra di noi solo un metro
Io potrei, non dovrei, ma se vuoi

Come può uno stronzo
Arginare il male
Anche se non voglio
Torna già a girare
Per le strade vuote
E le aziende chiuse
Quarantene ardite
per le risalite
Verso i centomila
E poi giù in calata
E poi ancora in alto
Con un grande salto


(Ispirato da questo twit. E non me ne vogliano Battisti e Mogol.)